EccoVi.. gli obbiettivi di Acr-Crv Onlus di fatto..

Missione: “ACR (Onlus) svolge un’attività socio-culturale di prevenzione al BULLISMO. -‘dal 1987 ad oggi ”.. combatte le DEVIANZE GIOVANILI-il Cyberbullismo e "Bulli e Bullismo.. Vandali e Vandalismo” con l'OSCAR e crea protocolli d’intesa, tra operatori sociali, Associazioni, e Comitati. Breve Storia del Concorso di poesia/arti e mestieri OSCAR: Nasce nel 1987 a Milano, da un'intuizione di Sergio Dario Merzario, Rio, Semenza, Maderna e altri, prende il via il Concorso "IL BAGGESE". Acr, Repo e Paza nel 1999, lo trasformano nel trofeo lombardo ( che nel 2002 diviene TROFEO LOMBARDO LIGURE). Nel 2006 diventa OSCAR Internazionale CONTRO il BULLISMO con il contributo di Sergio Dario Merzario, Ketti Concetta Bosco , le biblioteche e l'Unicef Prov. di IMPERIA!”
associazione@acraccademia.it http://appuntamentiacr-onlus.blogspot.it/ http://www.youtube.com/watch
Care/i Lettrici/lettori! Questo è uno dei tanti Blog dell'Acr-Onlus, che con tantissime .. persone.. DONNE ..Uomini.. Giovani.. e Associazioni.. NO PROFIT.. lottano contro il BULLISMO e per la VIVIBILITA' con l' Ambiente. Il successo di un blog sta nel numero dei commenti, Vi preghiamo pertanto di commentare, anche solo con domande o con divergenze. Non abbiate paura. STIAMO LAVORANDO PER VOI... Cordialità da http://www.acraccademia.it/ e da appuntamentiacr-onlus.blogspot.it/ .. youtube.com/watch?v=uTrMRAggZ6s

martedì 18 febbraio 2020

Ace e Crv

Verbale del 25 gennaio 2020 Milano
Il sottoscritto merzario rag sergio presidente uscente dell'associazione acr onlus di fatto dichiara con la presente che  a seguito della riunione del consiglio direttivo del 4/12/2019 c/o Centro Giovani alle h 19 e dell'Assemblea dei Soci dell'Acr e Crv tenutasi il 15/02/2020 h 18/21 sempre al Centro per giovani di Don Gino Rigoldi cappellano del Beccaria, dopo aver avvertito e invitato tutti i soci come previsto dallo statuto con un'assemblea straordinaria per variare lo Statuto,è  stato decisa, all'unanimità  dei presenti, la variazione statutaria richiesta dalla regione Lombardia inerente al rispetto del D.LGS. 117/2017, ivi compreso l'utilizzo dell'anonimo con riguardo specifico alle Onlus di fatto come Acr, subordinata al registro unico del terzo settore e subordinata all'istituzione del registro unico nazionale terzo settore ai sensi dell'art 101, comma 2 e 10 del DLGS 117 / 2017E PERTANTO MODIFICA LA DENOMINAZIONE Dell'Associazione in "ACR e CRV' e decidono, sempre all'unanimità dei presenti di essere consapevoli che le nuove disposizioni entreranno in vigore a decorrere dall'iscrizione dell'Ente nel Registro Unico Nazionale del Terzo Settore.. rimanendo invariato tutto il resto dello Statuto. Ribadisce il principio del rispetto delle disposizioni e direttive sancite dalla nuona Legge Istitutiva del Terzo Settore.
In fede il presidente sergio rag merzario

domenica 16 febbraio 2020

ACR e crv.. Un libro al giorno leva il medico e l'avvocato di Torno!

Il giornalista con oltre meta' del mio pulman per andare
da  San Padre Pio con Anna, Maria e ketti tutti devoti chi
senti il profumo di rose? Solo a Lui tocco'! Beato luí 
https://25092009messainduomoxsanpadrepio.blogspot.com/2020/02/sanremo-san-padre-pio-e-no-al-bullismo.html?showComment=1581859817650#c5527040152524917040 Grazieeee di esistere Cara ..tu .sei..una rosa.. visione dolce e serena della vita..
sarebbe ..è bello .. dolcecuore aprire gli occhi al nuovo giorno.. con la fortuna di aver a fianco una creatura bellissima e splendida come te..e ritrovarla tra le pieghe delle lenzuola potendola amare teneramente.. ringrazio Dio che che mi ha dato questa bella opportunità che mi fa capire .. che non ho questa fortuna, che non occorre disperare e presto potro' ricongiungermi alla mia metà ..buona domenica a te dolce sogno che diventi realtà .. pensa anche a divertirti ed abbi cura di te..vivi..a presto😉 😘☀😉🤡🤣😄😃😇😆😊😊😀
 Gio' r già 
 acraccademia.it
Clicca qui x AN padre pio
https://25092009messainduomoxsanpadrepio.blogspot.com/2020/02/sanremo-san-padre-pio-e-no-al-bullismo.html?showComment=1581859817650#c5527040152524917040


Un bravissimo Preside e...
acraccademia.it


Presidente unico Salvatore  Pasquale
con Sergio Dario Merzario direttore del baggese
Milanese-Civennese Gio per i giornali
Aggiungi didascalia



acraccademia.it
Questo è il giornalismo di Gio un volontario buono delle cause perse e la cura dei particolari. La sfacciataggine di illo e' seconda a nessuno,  eppure dice di essere timido 
Ha solo dei  piccoli problemi di carattere e di pace lui è un ballerino come il maestro Moggi, me e forse Gino gli iniziali obiettivi, raggiuntí,  ma molto più bello di tutti noi è il titolo di carattere piccante, che lui porta alla gente .
Oggi inizia a studiare una realta' strana, ma bella..  quella
 della  famiglia, del perbenismo.  Il suo libro si intitolera'
 "Inno alle Mutandine di chiffon " 
.. memoríe di un giornalista. Perché memorie  o ricordi?  Lui íl giornalista è specializzato in memorie.. Ricordi 
Grazieeee di esistere Aurora, Silvana, Matteo, Marina, Milena, Diana, Bruno, Giovanna, Rodolfo, Renata, Maurizio,  Laura,  Carla, Angelo, Valentina,  Carmela, Vincenzo, Maria, Pasquale, Enza  ..tu .voi, sei, siete .una rosa.. visione dolce e serena della vita..sarebbe ..è bello .. dolcecuore aprire gli occhi al nuovo giorno.. con la fortuna di aver a fianco una creatura bellissima e splendida come te, come voi donne ..e ritrovarla tra le pieghe delle lenzuola potendola amare teneramente.. ringrazio Dio che che mi ha dato questa bella opportunità che mi fa capire .. che non ho questa fortuna, che non occorre disperare, ..forse magari  e a presto potro' ricongiungermi alla mia metà.. meglio tardi che mai  ..buona domenica a te dolce sogno che diventi realtà .. pensa anche a divertirti ed abbi cura di te..vivi..a presto.. alla madonnina piacendo.. 😘☀😉 mi chiedevano spesso di descrivere quali fossero stati í miei rapporti con De Martino, Mosca, Aniasi, Craxi,  Salvini, Berlinguer,  Tognoli, Pillitteri, Stefania o Stefano,  Bossi, Formentini o Casini... Quanto alle  mutandine le faccio figurare solo nel titolo e  non se ne parla  quasi mai ..solo un curioso anedoto.. il  .. Simpatico.. Scontro.. con la Maria Belisario.. e la Rossella Artioli.. Non ci sono gossip o anedoti ..rivelazioni ... piccanti (..anche se volendo..) poi parliamo di Moro, Signorile  e de Michelis a  Roma con le.. B. R. e Paolo sesto.. Omissis. A cura di www.acraccademia.it



 acraccademia.it

sabato 15 febbraio 2020

San Valentino 2020

Amato dalle donne ..
acraccademia.it

https://suina-a.blogspot.com/
acraccademia.it

Odiato ..più che odiato ..invidiato.. dagli uomini
Boicottato dalle donnucole e dagli omuncoli ignorati e inutili.. Capaci o incapaci solo a scambiare calunnie con falsità.. Per tormentarle
www.acraccademia.it
 .. picchiarle, isolarle e violentarle.. senza amarle almeno un pochino..  in rispetto ai propri figli..   le povere donne maltrattate lavorano x i propri carnefici.. Collaborando..  anziché farsi valere e difendersi.. sono succube..  Senza autostima .. Meno male che c'è la realtà in grado di farsi calpestsée rispettare
Ma lasciamo perdere va bene così..

Ora iniziamo un libro..
​ Carissimo direttore  Sergio Dario Merzario
​ ti mando il resto dell'articolo x il libro

SHOA?! di f. c.

In questi giorni a cavallo tra gennaio

e febbraio 2020 c’è un gran parlare

di Shoah, Olocausto, svastiche scritte

sulle porte dove viv­rebbero ebrei. Da

una parte c’è il ric­ordo dell’orrore

dei campi di stermin­io perché il genoci­dio

subito dagli ebrei non possa avvenire

un’altra volta, anche (attenzione) in modo

surrettizio, dall’al­tra troviamo la dom­anda

sull’essere ebreo nel mondo, cioè sono

se stessi fra loro.

Propongo una piccola storia: la

Palestina fu ridotta a provincia romana, i

romani non interferi­rono nella religione

volevano che accanto all’offerta al loro Dio

ci fosse una piccola offerta all’impera­tore,

come del resto avven­iva in tutte le alt­re

colonie sottomesse a Roma.

gli ebrei da quest’o­recchio non ci sent­irono,

alla fine il console Tito, futuro imper­atore,

incendiò Gerusalemme, distrusse il

Tempio, allontanò gli ebrei vietando lo­ro

di rientrare in Pale­stina, da qui la pa­rola

“DIASPORA”.

Stringendo per gli ebrei iniziò la lunga

“attraversata del de­serto”, che durò

duemila anni, gli eb­rei per sopravvivere

s’acconciarono ad us­are quello che

trovarono conservando però la loro

identità di “Popolo eletto”.

Cerchiamo di capire la questione

“identità”.

Intorno all’anno 1000 in Puglia e in

Italia meridionale, in genere, avvenne

lo sbarco e l’epopea vichinga, e oggi

2020 i discendenti non rivendicano

l’identità vichinga, si sono sciolti fra

gli indigeni del pos­to e insieme hanno

sviluppato una civil­tà diversa, oserei

dire che hanno migli­orato loro stessi

e la realtà di quella terra, oggi non ci

sono né vichinghi né Dauni né

Salentini, tutti sono Pugliesi.

Continuiamo la stori­a:

gli ebrei non si sci­olgono nei Paesi

dove sono tradotti con la forza, rimang­ono

ebrei, e dopo 2000 anni succede che una

serie di combinazioni si sommano per

dar luogo allo Stato di Israele.

Alla fine della seco­nda guerra mondiale

agli ebrei viene ric­onosciuto un qualche

risarcimento sia per il genocidio subito

sia perché molti pro­fughi ebrei non fur­ono

accolti dai paesi che vinsero la guerra,

furono respinti, all­’inizio delle prime

leggi naziste. ​

L’Inghilterra dopo il 1945 avendo il

Protettorato della Palestina pensò bene

di far andare i pochi sopravvissuti dei

lager a Gerusalemme, questo fatto

iniziale indusse mol­ti ebrei sparsi in

tutto il mondo ad an­dare in Palestina

con l’idea di ricost­ituire l’antico Sta­to

di Israele da dove furono cacciati dai

romani.

Questo contro esodo fu facilitato

dalla poca disponibi­lità finanziaria

inglese e dalla gran­de disponibilità

in dollari degli ebr­ei residenti negli USA.

Inoltre gli ebrei su­per istruiti ci mis­ero

poco ad adattarsi al­le leggi inglesi,

questo in contrappos­izione con gli

arabi poco istruiti e refrattari alle

regole esterne, per capire questo

racconterò un fatto che rimane sotto

traccia ma è ben rad­icato nella testa

degli attuali Palest­inesi. Ogni arabo

allontanato dalla sua abitazione in

Gerusalemme ha in ta­sca la chiave

della sua casa la qu­ale, chiave, gli do­vrà

servire per aprire la porta e tornare

a vivere in essa. Sp­ieghiamo meglio:

il contratto stipula­to fra l’arabo in

questione e l’ebreo che ha acquistato

l’immobile è valido secondo la prassi

inglese, ma all’epoca l’arabo sapeva

leggere l’inglese, ma anche se sapeva

leggere sapeva le re­gole della

compravendita? Secon­do gli arabi

ci fu una forzatura, ma oggi

quell’immobile esiste ancora? È

possibile rintraccia­rlo? Chi ha

ragione l’israeliano che ha in mano

un contratto legale, o l’arabo che

avrà tracciato una croce su quel

contratto senza comp­rendere le

conseguenze?



Per terminare la sto­ria antica voglio

trattare il fatto per cui l’ebreo erran­te

è accostato al catti­vo banchiere

usuraio e all’astuto dialettico mercant­e.

Con l’editto di Mila­no emesso da​

Costantino imperatore la religione

cristiana cattolica diventa religione

di Stato conseguente­mente i

sacerdoti si occupano anche e

soprattutto di polit­ica e di economia,

da qui dettano le le­ggi sui prestiti

e sugli interessi da corrispondere.

A maneggiare il dena­ro ci pensino

gli ebrei, ai cristi­ani il controllo e la

riscossione delle ta­sse sul guadagno

​ ​ in modo da non incorrere

in peccato, così da presentarsi

dopo la morte immaco­lati davanti

al tribunale di Dio.

Per quanto sopra scr­itto si può

tranquillamente dedu­rre che nel tempo

gli ebrei sono stati costretti a specia­lizzarsi

in scienze bancarie e nell’esercizio

del marketing.

E dato che in tutte le categorie umane

cii sono i furfanti è molto facile

trovare ebrei disone­sti fra i banchieri

e fra i mercanti, qu­esto perché gli

ebrei per sopravvive­re sono stati costr­etti

a fare i banchieri e i mercanti.

Unendo quanto scritto alla situazione

economica disastrosa per i risarcimenti

di guerra imposti dai Paesi vincitori,

per Hitler fu facile convincere i tedes­chi

della negatività deg­li ebrei, conclusio­ne

eliminiamo fisicamen­te gli ebrei così

vivremo felici e con­tenti.

Ed ecco servito l’or­rore dell’olocausto.



FINE DEL PASSATO



Ora veniamo alle cose italiane.

In questi giorni uno o più writer diseg­nano

le svastiche sulle porte dove si suppone

a ragione o a torto che abitino ebrei.

Al di là se dietro quella porta abita o no

un ebreo nessuno può disegnare un

qualcosa non voluto, per questi disegni

si deve prevedere una sanzione

amministrativa per evitare il processo

e far diventare un martire al writer.

Per finire voglio so­ttolineare i fischi che

accolgono la Brigata ebraica al passagg­io

sotto il palco delle autorità, questo è

qualcosa difficile da capire e da spieg­are.

I discendenti dei pa­rtigiani ebrei di

nazionalità italiana hanno il dovere di

sfilare e il diritto di ricevere l’appl­auso

prima del Sindaco che indossa la fascia

tricolore poi dalla giunta e dei consig­lieri

e infine di tutte le autorità presenti, chi

non vuole applaudire può rimanere a

casa, nessuno lo rim­piangerà.



Per finire voglio ri­volgere al Rabbino

di Milano due domand­e, naturalmente

il Rabbino ha facoltà di non rispondere.

La prima: quando un ebreo dice

“faccio parte del po­polo eletto”, io

cosa devo dire e cosa devo fare?

La seconda: durante la Pasqua,

cristiana o ebraica che sia, l’ebreo

dice “il prossimo an­no a

Gerusalemme”, quale deve essere

Il mio comportamento quali parole

Posso o devo pronunc­iare?

​ ​





Acr e Gio con Giovanna.. Ciechi solo quelli che non vogiono vede..Re

e Fermati, maledetto vigliacco
acraccademia.it

ACRaccademia.it
L'amore vince tutto

acraccademia.it



www.acraccademia.it
Ballo rock e bughi in piazza Colombo
Che sia Femmina?🙋‍♂🥰🎯😉
Ballo liscio.. di classe..
Gio r già.. milena.. Una ballerina Unica bella devota la..
acraccademia.it

martedì 11 febbraio 2020

Shoa, Giorgia e il tempo

Giorgia e il Tempo!

Finalmente a milano.. ragazzi che viaggio.. incredulo prima di scendere vedo un cellulare e' di..Giorgia ... scesa a Genova, una bellissima ragazza di Imperia? Che frequenta il Conservatorio... ma poi vi racconto.. a dopo omissis già  consegnato alla Polfer agente Di Pietro..ma.  poi vi racconto.. ciao da www.acraccademia.it
Rieccoci..
Giorgia4659 e per la vita il tempo!
acraccademia.it
..proseguo la storia..
..a genova, giorgia4659..stupenda ragazza scende per andare al Conservatorio e dimentica il cellulare..

ma nessuno di noi si accorge che si è dimenticata il cellulare.. ce ne accorgiamo a Milano  Lambrate, quando preparandosi a scendere Gio chiede a Gisella, stupenda ricercatrice dell'università  cattolica di milano, se era suo..ci accorgiamo che è  stato dimenticato dalla bella ragazza del conservatorio salita ad Imperia ... il ragazzo che è diretto a Venezia, apre il cellulare e vede un msg. È Giorgia che lo prega di portargli il Cellulare che ha 'dimenticato sul treno'.. il ragazzo che chiameremo R risponde che non può. Gio, propone di sentire dove la ragazza vuole ritirare il suo telefono cellulare. Concordano tutti alla fine sulla proposta.. alla Polfer... seguo la vicenda e dico che la grande delusione, Gisella prima grande costatazione di Giorgia.. Gio .. ricorda, se la mangiava con gli occhi e  quel bel ragazzo che aveva di fronte. Faceva altrettanto.. .ma ora che doveva aiutarla non aveva tempo.. pensava all'impiccio di perdere tempo per consegnare il cellulare alla tua diretta proprietaria.. e freddamente rispondeva lo lasceremo alla Polfer. ..segue